ODE A TODI

Da sinistra: il sindaco Antonino Ruggiano, il presidente dell'Etab "La Consolazione" Paolo Frongia, la studentessa Fanny Taddeo e il dirigente scolastico Sergio Guarente.
Print Friendly, PDF & Email

[di Fanny Taddeo, 2BL a.s. 2017/2018]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Raffinata, bella e vecchia signora

burbera e un po’ sorridente

non ti hanno sciupata, né deturpata

i tanti secoli di vita vissuta.

Ora ti vedo spiccare, dall’alto del colle,

minacciosa e gigante

rapace come l’aquila nel tuo stemma

ma non ho paura di te

come da bimba inerme.

 

I miei occhi accarezzano l’orizzonte

sempre attratti dalle tue solide mura

antico baluardo sopravvissuto a tante offese.

Amo le tue strade e i vicoli intriganti

come ragnatele tessute dal tempo.

Amo i panorami che scorgo dai vicoli bui

stretti, ruvidi e odorosi di vita operosa.

Amo le tue piazza aperte

affacciate sui panorami ameni.

Da tanta grazia affascinata

perdo di vista la folla

e i turisti che gremiscono le strade.

 

Oggi non temo più la tua ira

austera Aquila dell’Umbria

la tua eleganza mi incatena

e il cuore ho colmo di gioia.

 

Con questa poesia Fanny Taddeo ha avuto una menzione speciale per la qualità della ricerca poetica alla terza edizione del premio di poesia “La città che amo”, indetto dall’Etab “La Consolazione”. La cerimonia di premiazione è avvenuta sabato 10 marzo nella Sala Giunta. 

Iscriviti per ricevere contenuti nella tua casella di posta, ogni settimana.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

A riguardo Redazione 96 articoli
Sottob@nco, il giornale online del Liceo "Jacopone da Todi".

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.