“METTI VIA QUEL CELLULARE”

Print Friendly, PDF & Email

TODI – L’autore, Aldo Cazzullo, si rivolge a tutti i ragazzi e suggerisce loro di non confondere il mondo reale con quello digitale. Mette il lettore di fronte a due prospettive e a due pensieri diversi riguardo al cellulare e alla rivoluzione che ha portato nelle nostre vite. Non è il solito romanzo, è un dibattito e per accentuarlo le risposte dei due ragazzi, graficamente, sono impaginate come un messaggio di WhatsApp.

Il padre – Aldo, appunto – li sollecita a staccarsi dal cellulare, dai videogiochi e dagli strumenti elettronici, i suoi figli, invece, ribattono che sono utili ed essenziali per la quotidianità. Ne nasce un dialogo serrato sui rischi e sulle opportunità del nostro tempo: la cattiveria online, gli youtuber e l’elogio dell’ignoranza, i cyberbulli, gli idoli del web, i padroni delle anime da Facebook ad Amazon, l’educazione sentimentale affidata a YouPorn, la distruzione dei posti di lavoro e della cultura tradizionale, i nuovi politici da Trump a Grillo, sino all’uomo artificiale, ma anche le possibilità dei social, i nonni che imparano a usare le chat per parlare con i nipoti, la rivolta contro le dittature, la nascita di una gioventù globale unita dalla rete. «Siete una generazione con lo sguardo basso. Il cellulare in realtà è uno specchio», afferma Aldo Cazzullo che considera gli smartphone simbolo del narcisismo. Le persone hanno il continuo bisogno di controllare i telefoni e non a caso pubblicano selfie sui social per essere guardati e sentirsi ammirati. Sua figlia Rossana ribatte che anche lei pubblica appunto foto su Instagram, ma lo ritiene un modo di raccogliere ordinatamente i suoi scatti più belli, per poterli rivedere anche a distanza di anni.

Lo scrittore sottolinea quanto sia dannoso il web e quanto sia ingenuo confessare le proprie paure, i timori su internet. «La rete non è così pericolosa, perché per esempio alcune persone, soprattutto adolescenti, vedono nel web un rifugio e altri, che magari non hanno contatti con il mondo esterno, trovano il coraggio di uscire per un contatto diretto con la realtà», dichiarano i due ragazzi.

La critica principale che fa Aldo Cazzullo è che prima di imparare a leggere e a scrivere i nativi digitali apprendono come si usano i cellulari. I ragazzi non leggono più libri, non vanno più a teatro e guardare film della durata di due ore è considerato eccessivo, semplicemente per il fatto che un video su Youtube dura meno di tre minuti. La vita si è trasformata in un susseguirsi di avvenimenti veloci. Rossana e Francesco rispondono che tutti i libri si trovano su internet, anche i grandi classici come La Divina Commedia, e sono molto pratici, perché avendoli sul cellulare in forma digitale possono essere sempre a portata di mano. In questo modo possono anche comunicare con i loro nonni nonostante l’enorme distanza, perché hanno imparato ad utilizzare Whatsapp.

Appunto non sono solo gli adolescenti a fare uso dei cellulari ma anche gli stessi adulti che li rimproverano. La rete e gli strumenti digitali non devono essere per forza demonizzati ma bisogna ragionare sui pro e sui i contro. Attraverso internet si possono conoscere persone nuove, fare amicizia e addirittura trovare l’amore della propria vita.  Si deve anche capire che il pericolo è in base all’utilizzo che se ne fa, sono le persone ad alzare o abbassare il grado dei rischi che si corrono.

Indubbiamente gli smartphone agevolano la nostra quotidianità: invece di passare ore in biblioteca, per esempio, possiamo digitare quello che ci serve su Google e abbiamo tutto a disposizione. Nonostante gli enormi vantaggi che ci vengono offerti, è comunque opportuno (e necessario) distinguere la vita reale da quella virtuale, due lati completamente diversi ma per niente indivisibili.

Iscriviti per ricevere contenuti nella tua casella di posta, ogni settimana.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.